A.N.A.S. Veneto

Associazione Nazionale Azione Sociale

 

News

Bitto scrive alla Vecchioni di Federfama Verona “le mascherine acquistate a più di 0,50 € potreste donarle a chi non prende lo stipendio”

 

08/05/2020

 

Nel contesto dell’emergenza sanitaria che stiamo affrontando, vista la polemica in atto in relazione alle mascherine a prezzo imposto, il Portavoce regionale dell’Ente del Terzo Settore ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale), Francesco Bitto, ha scritto una lettera aperta alla Presidente di Federmarma, Elena Vecchioni, per esprimere il proprio dissenso verso la polemica che stanno portando avanti le Farmacie con vari cartelli critici sulle mascherine a prezzo imposto.

 

Bitto lamenta che in questi cartelli ci si rivolge ai cittadini, che non hanno nessuna colpa, e non direttamente al Governo, oltre a proporre di donare le mascherine acquistate prima del prezzo imposto alle famiglie in difficoltà. Riportiamo alcuni passaggi della missiva di  Bitto a Federfarma Verona:

"Come le sarà noto CONTINUA A LEGGERE

"Bottega amica" ANAS e Pro Loco collaborano per aiutare più persone.

 

5/4/2020

 

La situazione drammatica da Covid-19, meglio noto come Coronavirus, ha fatto  emergere la carenza di volontari, non per " volontà ", ma perchè ne servono veramente tanti, presso le varie associazioni che operano in tutti i settori del sociale, in special modo, in questo tragico momento. Più braccia ci sono e più si può venire incontro alle famiglie, agli anziani alle persone sole che non sono in grado di affrontare le criticità che il momento impone loro. Così, per far fronte a tutto ciò, ANAS zonale Verona Sud e la Pro Loco Verona si sono organizzate creando una collaborazione tra volontari con lo scopo di dare un concreto aiuto in questa situazione di disagio.

 

 

E' partita il 2 aprile la collaborazione tra ANAS e Pro loco Verona, quando senza esitare l'Associazione nazionale di azione sociale, sede Verona Sud, ha risposto alla richiesta di aiuto del Presidente Marco Rigo (Pro Loco Verona) e ha iniziato la distribuzione dei generi alimentari alle fasce sociali più fragili nell'ambito del progetto promosso anche dal Comune di Verona e denominato "Bottega amica". Sinergie che fanno bene al territorio, e che in questi momenti di crisi aggregano realtà associative che, nel circondario scaligero, non hanno mai fatto mancare il proprio impegno e la propria dedizione.

ANAS Veneto:  aiuti alla terapia intensiva di Legnago per il Covid-19.

 

3/4/2020

 

Questa mattina l'associazione ANAS Veneto (associazione nazionale di azione sociale) tramite la zonale di Bonavigo con sede operativa a Legnago ha consegnato 100 tute idrorepellenti e 1000 copriscarpe alla caposala del pronto soccorso dell'ospedale "Mater Salutis " di Legnago, con l'intento, non solo di distribuire il tutto per le necessità dei vari reparti ma anche di arginare  il contagio da coronavirus per tutto il personale sanitario.

 

"Questo è solo il primo passo, perché grazie al buon cuore dei nostri donatori a breve ci sarà un' altra consegna" dichiara la Presidente della sede ANAS Giovanna Rossi e continua "Un ringraziamento particolare va alla Ferramenta Giusti di Porto di Legnago per materiale donato e alla Sanitaria Medisan che ci ha sostenuto e indirizzato negli acquisti".

 

Quanto consegnato oggi è il primo frutto delle donazioni pervenute a seguito della raccolta fondi indetta da ANAS partita da pochi giorni, il tutto è stato comprato per il tramite di aziende del territorio a filiera controllata italiana, inoltre fanno sapere da ANAS che la raccolta fondi continua e sono già stati ordinati altri presidi sanitari da consegnare agli addetti ai lavori dell'ospedale di Legnago.

 

 

Il Portavoce Regionale di ANAS Francesco Bitto “Grazie anche a chi sta donando poco, e sono tanti, perché siamo convinti che quel poco è tutto ciò che può dare,  e anche se sarà utile per comprare un singolo paio di guanti o una sola mascherina avrà dato il proprio contributo per aiutare tutta la comunità”

ANAS avvia raccolta fondi ospedale Legnago.

 

16/3/2020

 

In questo momento critico in cui l'Italia si trova ad affrontare l' emergenza Coronavirus, sono tante le raccolte fondi  promosse dai cittadini a sostegno delle strutture ospedaliere con l’obiettivo di far acquistare dispositivi medici, sostenere le strutture sanitarie o per aiutare tutto il personale che in questi giorni sta combattendo una durissima battaglia nel  cercare di debellare questa pandemia che, per il bene di tutti, ci costringe a stare in casa.

 

Di solito sono gli ospedali grandi a ricevere donazioni mentre le strutture più piccole hanno difficoltà a reperire fondi.

 

Cosi, tenendo presente tutto ciò, l'Ente del Terzo Settore ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale) per il tramite delle sedi Zonale di Bonavigo e Operativa di Legnago, responsabili di tutto il territorio della Bassa Veronese, insieme alla direzione regionale ha deciso di iniziare una raccolta fondi per l'Ospedale di Legnago (VR).

 

Chiunque volesse contribuire con qualsiasi importo potrà effettuare donazioni sul conto corrente di seguito riportato, nessun altro tipo di donazione verrà accettata al fine di rendere del tutto trasparente  la rendicontazione, con la causale "Erogazione liberale - Covid 19 - Legnago" .

Codice IBAN ANAS  Sede di Bonavigo-VR:   IT84L0335967684510700177298

L'ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale), in quanto Ente del TERZO SETTORE, riconosce la possibilità di portare in detrazione le donazioni effettuate. Pertanto i donatori potranno successivamente inviare copia del bonifico via mail (anasbonavigo.vr@gmail.com) o comunicare importo donazione (anche privatamente via Whatsapp al nr.3493498980) per ricevere la documentazione ai fini fiscali di quanto donato.

 

 

Oggi più che mai, è importante seguire piccoli, semplici  gesti  di solidarietà per una causa importante.

 

Sarà impiccato per i diritti delle donne. Bitto “a Verona non se ne parla”.

 

12/2/2020

 

Una condanna a morte per aver insegnato a scuola l’importanza dei diritti delle donne. Juanaid Hafeez un professore di soli 33 anni del Pakistan verrà impiccato per essere stato “blasfemo”, succede nel 2020 in un paese dove le donne non hanno gli stessi diritti degli uomini. La petizione “Non impiccate il professor Junaid Hafeez” per sensibilizzare l’opinione pubblica al fine di evitarne la pena capitale è stato pubblicato sul sito Change.org da parte di Helen Haft una collega ricercatrice universitaria americana.

 

A sollevare la questione a Verona è Francesco Bitto, Portavoce Regionale dell’Ente del Terzo Settore A.N.A.S. (Associazione Nazionale di Azione Sociale) che ha la sede centrale per il Veneto proprio nella città scaligera e che conta una decina di sedi in provincia.  “ A Verona si parla molto di violenza sulle donne ma c’è un uomo che è stato arrestato nel 2013, e da allora è stato sempre recluso in isolamento, che adesso è stato condannato a morte per aver parlato con i propri studenti di diritti delle donne e nessuno ne parla” dichiara Bitto e continua “si sente dire spesso che le cose cambieranno quando saranno gli uomini i primi a difendere i diritti delle donne ed oggi un uomo viene condannato a morte per averlo fatto e non si fa nulla per smuovere l’opinione pubblica”.

 

L’Associazione ANAS ha affrontato spesso nella provincia scaligera il problema della violenza di genere valorizzando, anche con riconoscimenti pubblici, il ruolo delle donna che nella società si sono distinte, non ultimo un Convegno sulle donne che con coraggio si sono messe contro la n’drangheta, evento di qualche mese addietro.

Bitto conclude “Auspico che quantomeno le associazioni del territorio che trattano il tema violenza sulle donne, le amministrazioni locali e il mondo scuola parlino del Prof. Juanaid Hafeez al fine di smuovere l’opinione pubblica fino magari ad arrivare ai vertici del nostro Governo per impedire l’esecuzione di questa allucinante condanna”.

 

Si avvicina la giornata della Memoria, due incontri con il Parlamento della Legalità.

 

17/01/2020

 

A dieci giorni dalla giornata della memoria nella città scaligera due giornate con il Parlamento della legalità che oltre a trattare tematiche legate alla mission dell’associazione, segnerà il solco ad una serie di iniziative che renderanno la provincia scaligera protagonista nel ricordo delle vittime della Shoah.

 

Il primo incontro si svolgerà al Circolo ufficiali di Castelvecchio oggi alle ore 17.00 e ad aprire le attività il Generale di corpo d’Armata Giuseppe Nicola Tota Comandante delle Forze operative terrestri di supporto. L’incontro viaggerà su un doppio binario la presentazione del libro "Profeticamente scomodi – Quando un uomo si sporca le mani: Don Tonino Lo Bello" libro scritto dal Presidente della Legalità Internazionale Nicolò Mannino.; inoltre si discuterà sul tema culturale "Ambasciataori di speranza sui sentieri della storia".

 

 

Ai due incontri parteciperanno sia Anna Lisa Tiberio già collaboratrice del Parlamento della legalità internazionale, anche in veste di Assessore  del Comune di Villafranca di Verona, sia il Portavoce regionale di ANAS (Ass. Nazionale Azione Sociale)  Francesco Bitto già premiato dal Parlamento della Legalità per mano del Sottosegretario alla difesa a seguito dell’impegno da questi profuso nel sociale.

 

Il secondo incontro invece previsto per domani al teatro Alida Ferrarini di Villafranca di Verona organizzato dal Comune su proposta dell’Assessore all’istruzione Anna Lisa Tiberio in collaborazione con il parlamento della legalità e la rete cittadinanza e costituzione avrà come titolo "Verso la giornata della Memoria". L’incontro vedrà la presenza di vari esponenti del territorio tra cui si cita Sindaco Roberto Dall’oca, il Comandante del Terzo Stormo Col. Francesco De Simone e il Presidente del Parlamento della Legalità Nicolò Mannino oltre , come detto in precedenza, ad Anna Lisa Tiberio e Francesco Bitto, interverranno l’assessore alla Cultura Claudia Barbera, il Vicepresidente del Parlamento della legalità Salvatore Sardisco e il Sindaco del Comune di Ravanusa Carmelo D’Angelo.

 

 

Il  Parlamento della Legalità Internazionale è un movimento culturale, interconfessionale e interreligioso che trova le sue radici nella "sete" di Verità e Giustizia a partire dalle stragi di capaci e via D’Amelio. Nato anche per volere del giudice Antonino Caponnetto – coordinatore del pool antimafia di Palermo che succede al suo fondatore Rocco Chinnici – che da subito ne diventa "Presidente Onorario", il Parlamento della Legalità Internazionale ha come obiettivo e finalità quello di dialogare principalmente con il mondo scuola e società civile affinché chiunque, a partire dal proprio talento naturale (letterario, artistico, musicale, sportivo, o quant’altro) si metta in gioco per cooperare allo sviluppo del territorio e insieme divenire artefici e protagonisti di un presente "a colori".

Diritti Umani, tra musica e solidarietà.
19/12/2019
A Villafranca di Verona presso il teatro Alida Ferrarini il 10 dicembre 2019 si è svolto un convegno sui Diritti Umani coinvolgendo in vari settori della società civile, utilizzando  forme diverse di linguaggio compreso quello musicale. Infatti, è stato ospite anche un giovane musicista Mike Baker.
 
Il giovane artista è stato accolto la sera prima dell'evento nella città di Villafranca  dall'Assessore Anna Lisa  Tiberio e dal Portavoce Ragionale dell'Ente del Terzo Settore A.N.A.S. Francesco Bitto (l'associazione Nazionale di Azione Sociale ha una sede storica nel Comune di Villafranca n.d.r.) che hanno mostrato peculiarità del territorio all'artista che è rimasto molto colpito dalla zona del Castello villafranchese.
 
Il giorno dell'evento, alla presenza di 400 studenti delle scuole secondarie di primo grado, la dott.ssa Anna Lisa Tiberio, assessore all’istruzione, legalità e lavoro, e come tale organizzatrice dell'evento, ha avuto modo di confrontarsi e discutere con esperti del calibro di: Giuliana Guadagnini (nota psicologa) che ha relazionato sui diritti umani nel Web, Niky Leonetti che ha discusso del tema dell'inclusione, Donatella Ceccon sui diritti degli animali, Mascia Vecchi sulla promozione dei diritti umani in vari contesti di vita.
 
 
"Personalmente non ho mai avuto l’opportunità di esprimermi in contesti simili, e devo dire che quest’esperienza mi ha dato modo di poter osservare varie realtà di oggi giorno con occhi diversi." dice Mike Baker a margine dell'evento  "Altri ragazzi presenti con me sul palco hanno colto l’attenzione e i cuori dei ragazzi parlando delle proprie passioni, delle proprie paure e insicurezze, delle sventure e delle glorie, ma soprattutto dei loro diritti di essere quel che sono su un palco, in uno schermo, in una stanza, in uno stadio,  o a scuola fino alle strade che viviamo ogni giorno, con i loro pregi e i loro difetti, grandi o piccoli che siano. La sensibilità è stata la parola d’ordine per poter accedere a quelle parole, è stato bello vedere i ragazzi emozionarsi e spero che questa esperienza abbia dato loro modo di scoprirsi e di ascoltarsi sempre di più" ha concluso,  ringraziando tutti Anna Lisa Tiberio.
 
Chi è Mike Baker:
Michele Sechi, in arte Mike Baker, è un giovane cantautore di Musicantiere. Autore di numerosi inediti, usciti su tutti i digital stores e su Youtube, come “Firenze, girato proprio nella città toscana. Di appena 21 anni, originario di Vico Pisano, può vantare un’esperienza interessante con tre brani pubblicati: “Nuvole”, “Abitudine” ed “Agosto” e la partecipazione a numerosi festival e concorsi canori di livello nazionale arrivando sempre tra i primi posti. Nel giugno 2017 ha vinto il “Vocal War di Carrara” con l’esibizione al Premio Lunezia insieme ad artisti come i Negramaro e Morgan. Nel maggio 2019 Mike Baker si è aggiudicato il premio “Axa for talent”, il contest online collegato a “The voice of Italy” di Raidue grazie al video “Home” su Instagram.
 
Parole molto apprezzate da tutta l'Amministrazione che accoglierà Mike in un altro evento importante sui temi della legalità.  Per entrare nei cuori dei ragazzi ed imprimere valori importanti di cittadinanza autentica  è necessario usare tutti i linguaggi a disposizione. "Non organizzo un convegno, seminario o altro se non vi è una musica o una canzone, un quadro o una poesia a toccare le corde delle emozioni,  Villafranca di Verona sta diventando un vero laboratorio di cittadinanza attiva e si punta molto sui bambini e ragazzi  perché loro un giorno possano studiare, fare ricerca e lavorare a sostegno della democrazia" dichiara Anna Lisa Tiberio con grande soddisfazione.

Giovani e Alcol, ne parla ANAS in un convegno.

 

11/12/2019

 

Il consumo e l’abuso di alcol fra i giovani e gli adolescenti è un fenomeno preoccupante. Sono sempre di più i giovani, tra gli 11 e i 15 anni, che ne fanno uso soprattutto nei contesti della socializzazione e del divertimento collettivo, spesso bevendo volontariamente fino ad arrivare all’ubriachezza e all’intossicazione alcolica. In particolare, gli episodi sono circoscritti al fine settimana: i ragazzi bevono  alle feste, all’aperitivo o in discoteca, e raramente da soli. Questo comportamento ha effetti devastanti sulla salute in quanto l’organismo di un adolescente è ancora in completa evoluzione e l’alcol ha l’effetto di rallentare lo sviluppo mentale.

Cosi, Mercoledì 11 dicembre 2019 ore 18:00 ci sarà presso la Sala Convegni di San Giovanni Lupatoto via Damiano Chiesa 1 (ex chiesa Pozzo) un evento che, nell’ambito dei progetti “Non troppo piccoli per parlare di alcool” e “inDipendenze, liberati e riprenditi la tua vita”, verterà su come affrontare questo fenomeno.  Infatti il titolo del convegno, non a caso, è “Giovani e Alcool, tra dati e criticità”.

 

Il dott. Francesco  Bitto, oltre ad intervenire  esplicitando il suo pensiero sui giovani e l’alcool, farà anche da  moderatore dell’evento. Dopo i saluti di benvenuto da parte  di Maurizio Simonato (assessore al sociale di San Giovanni Lupatoto) e di Stefano Bressan (vice presidente zonale A.N.A.S. San Giovanni Lupatoto), seguiranno gli interventi di Chiara Ghiraldini (psicologa), di Gianpietro Bertasi (presidente A.N.A.S Veneto), di Michelangelo Tomelleri (presidente ass.academia formazione sanitaria Verona), di Patrizia Pisi (vice presidente ass.vittime della strada e sul lavoro)  e degli Alcolisti Anonimi (rappresentante della sede A.A.Verona). Infine Flavio Bertaiola (presidente provinciale della sede ASFA Verona) saluterà e ringrazierà i presenti.

 

Evento organizzato in Collaborazione con ASFA (donatori di sangue), Veronasociale (giornale on line); con il Patrocinio del Comune di San Giovanni Lupatoto e la Rete Cittadinanza e Costituzione.

 

ANAS ed ANIOC due associazione unite da un intento comune: il sociale.

 

27/11/2019

 

“Chi vuole collaborare per intenti sociali da parte nostra avrà sempre la massima apertura” esordisce così il Portavoce di ANAS Veneto Francesco Bitto, in relazione alla consegna del certificato di affiliazione nei confronti di ANIOC, Associazione Nazionale Insigniti Onorificenze Cavalleresche di Verona, guidata dal Presidente Giuliano Bissolo, storica associazione quest’ultima, nata nel 1949.

 

L’Ente del Terzo Settore ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale) anche a Verona apre le porte quindi ad associazioni che vogliono affiliarsi a questa grande realtà che conta 160.000 tesserati in tutta Italia. ANAS nasce come un’Associazione di Promozione Sociale oggi divenuta anche Rete associativa quindi, per il tramite di ANAS, gli affiliati possono acquisire i diritti detenuti dall’associazione comprese le prerogative destinate agli Enti del Terzo settore, queste ultime ovviamente tramite un percorso di verifica dei requisiti richiesti dalla norma, percorso questo che ANIOC ha intrapreso qualche mese fa dotandosi in primis di uno statuto di Associazione di Promozione Sociale, e culminato oggi con la concessione dell’affiliazione da parte di ANAS nazionale. 

 

Alla presenza dei volontari soccorritori ANIOC, capitanati da Adelino Fasoli, e da alcuni soci ANAS, tra i quali Stefano Bressan (Vicepresidente di ANAS S. Giovanni Lupatoto), il portavoce  Regionale ANAS Bitto ha consegnato, al Presidente ANIOC Verona Giuliano Bissolo, il riconoscimento arrivato dalla presidenza nazionale ANAS che conferisce ad ANIOC Verona la denominazione di sede affiliata ANAS che nel contempo trasferisce quindi il proprio know-how ai  “cavalieri” scaligeri, oltre ai privilegi di essere un Ente accreditato a livello nazionale e regionale. 

 

Il presidente Bissolo ha inteso dichiarare “Comunico la mia gratitudine ad ANAS per tale affiliazione e confermo una fattiva e costruttiva collaborazione, utilizzando le risorse della Delegazione che comprende il Gruppo VO DAE / VERONA , SOCCORRITORI che muniti di defibrillatore presidiano il territorio cittadino al fine di un intervento rapido in casi di estremo bisogno e  un particolare attestato di stima al Responsabile di tale Gruppo nella persona del Sig. Adelino Fasoli e un particolare grazie al Dr. Bitto in qualità di portavoce ufficiale di Anas Veneto”.

4 novembre a Villafranca (VR): alla cerimonia Sindaco, Comandante 3° Stormo e Portavoce ANAS Veneto.

 

5/11/2019

 

Lunedì 4 novembre 2019 si è svolta la consueta celebrazione di commemorazione della fine della Prima Guerra Mondiale. La manifestazione, nella quale si è vista la partecipazione un po’ di tutto il paese e gli Enti presenti nel Comune, ha visto quest’anno un ruolo preminente del 3° Stormo A.M. con una folta rappresentanza ed un Picchetto Armato a rendere onore ai caduti.

 

Tra le autorità un gruppo nutrito dell’amministrazione comunale con in testa il Sindaco Roberto Dall’Oca, il vicesindaco Francesco Arduini e il Presidente del consiglio comunale Lucio Cordioli, oltre a tutta la giunta e vari consiglieri. Non potevano mancare soprattutto le Associazioni Italiane d’Arma tra le quali quelle degli Alpini, presenti anche Carabinieri, Gurdia di Finanza e Polizia di Stato. Hanno presenziati inoltre rappresentanti delle associazioni di volontariato e culturali con la presenza, a dare lustro, del Portavoce regionale ANAS (Ass. Naz. Azione Sociale) Francesco Bitto e del Presidente del Comitato Biblioteca di Villafranca Renzo Campo Dell’Orto.

 

La manifestazione si è snodata per le vie del centro partendo dalla Stazione Ferroviaria per poi fermarsi a depositare corone ai monumenti terminando attorno al Obelisco dei Caduti in Piazza Giovanni XXIII. Una nota di colore l’hanno data i ragazzi delle scuole di Villafranca presenti con un rappresentanza numerosa di vari istituti del villafranchese.

 

I saluti finali affidati al Comandante del Terzo Stormo Col. Francesco De Simone e al Sindaco Roberto Dall’Oca. Insomma una giornata di festa per non dimenticare il passato.

"Solidarietà con te" a dare lustro il Procuratore Militare Stanislao Saeli e Gianpietro Ghidini, alla serata ANAS.

 

20/10/2019

Dal Procuratore Militare Stanislao Saeli alll’assessore al Sociale Merlini di Vigasio, dal Presidente ASFA Flavio Bertaiola al sindaco di Vigasio Tosi, tutti uniti all’insegna della solidarietà. Tutto esaurito anche quest’anno, il 16 ottobre 2019, alla serata ANAS alla Fiera della Polenta, i quasi 200 posti messi a disposizione dalla Vigasio Eventi per la serata dei premi solidarietà ANAS Veneto 2019 sono stati coperti fino all’ultimo. Ormai è divenuto un appuntamento fisso della Fiera della Polenta l’evento "Solidarietà con te" alla sua sesta edizione, l’Associazione Nazionale di Azione Sociale con questo evento riesce ad accomunare varie anime del volontariato e portare nella stessa serata realta anche musicali a contorno dell’evento.

La sede Veronese dell’Ente del Terzo Settore ANAS, seguita dal Presidente Giampietro Bertasi, ha raggiunto grandi risultati in questi anni sotto il profilo del volontariato ma non disdegna appuntamenti conviviali sempre e comunque a sfondo sociale. "Anche quest’anno si è voluto dare grande rilievo a chi si è distinto nel territorio scaligero ma non sono mancati personaggi di profilo nazionale che hanno dato lustro all’Evento" spiega il Portavoce Regionale di ANAS Dr. Francesco Bitto, ecco i premiati: Presidente Provinciale ANIOC Cav Giuliano Bissolo, D.ssa Silvana Mecchi Presidente Ass. Naz. Farfalle, Gianpietro Ghidini Fondatore Ass. Pesciolino Rosso, promotrice progetto "Forza è Curabile" Cristina Gamba, al Presidente Prov. Carristi Col. C. Napoleone Puglisi, Vicepresidente AVISL(Vittime della Strada e del lavoro) Patrizia Pisi, ideatore progettto "L’amore Veste la pace" Nicola Paparusso e Mariutou Dione, ex Presidente Circolo Noi Vigasio e impegnato nel sociale con Progetto N-Joy Denis Zorzi.

Insomma una serata ricca di emozioni accompagnati dal coro Alpini San Maurizio di Vigasio e dalle note delle giovani promesse della band villafranchese "Street Siders Band". Alla serata hanno partecipato varie autorità da tutta la provincia: il Procuratore Militare di Verona Dr. Stanislao Saeli, la referente Cittadinanza e legalità MIUR VR Dott.ssa Anna Lisa Tiberio, il Presidente Presidente Provinciale di ASFA (Associazione donatori di sangue San Francesco D’assisi) Flavio Bertaiola, la Presidente dell’associazione Le.Viss. (Leucemia Vissuta) D.ssa Graziella Bazzoni, al Sindaco Eddi Tosi e gli Assessori Merlini e Campedelli del Comune di Vigasio. 

 

La solidarietà corre per le strade veronesi con A.N.A.S., Le.Viss. e Hostaria

8/10/2019

Finalmente siamo giunti alle porte dell’evento sportivo Rally 2 Valli che si terrà nei giorni dell’11 e 12 ottobre tra i colli veronesi! Ed anche quest’anno l’associazione A.N.A.S. Verona Est ha voluto apportare il suo contributo scegliendo di sostenere l’associazione Le.Viss, Leucemia Vissuta, operante da anni nel territorio Veronese per insegnare e divulgare la cultura al “dono del midollo osseo”.  La macchina in gara, condotta da Paolo Rossignoli, Vicepresidente di A.N.A.S. Verona Est, nonché pilota della Best Racing Team, vedrà un equipaggio interamente appartenente anche all’Autoclub Nazionale Forze di Polizia.   Tante associazioni, quindi, unite per esprimere vicinanza a chi vive di speranza nei reparti di ematologia. Ma tale vicinanza di cuore troverà anche dei risvolti concreti: con l’aiuto degli sponsors che hanno permesso a tale equipaggio di partecipare all’evento sportivo, l’associazione A.N.A.S. Vr Est riuscirà a destinare una quota del ricavato alla stessa Le.Viss. per sostenerla nei suoi progetti di volontariato attivo presso il reparto di ematologia del Polo Ospedaliero di Verona; ma non solo! 

Con la disponibilità degli organizzatori dell’evento Hosteria Verona che si terrà nei giorni 11, 12 e 13 ottobre nelle vie del centro storico di Verona, sarà effettuata presso tutti i 50 stands enogastronomici, la “raccolta dei tappi di sughero” da cui la stessa Le.Viss. ( sulla base di un accordo con Amia VR) potrà ricavare i fondi da reinvestire nella ricerca,  e nella sensibilizzazione presso le scuole per far conoscere tale malattia, il suo iter di cura, l’importanza dell’atto di donazione delle cellule emopoietiche e dell’inserimento nell’apposito registro donatori (età e condizioni). 

“Vi aspettiamo quindi tra i colli ed in città per sostenere tutti quelli che hanno una “gara” da intraprendere e da vincere” dichiara la Presidente di ANAS Verona Est.

 

Silvia Sambin

Con Aiello e ANAS "Il suono del rispetto" varca i confini provinciali.

 

24/09/2019

 

Proiettato sul grande schermo, in prima assoluta, la sera di giovedì 19 settembre presso il teatro parrocchiale di Roncà, in provincia di Verona, "Il suono del Rispetto" ha incantato una platea gremita giunta per l’occasione. Il film, patrocinato dal Comune di Roncà, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Montecchia e Roncà, con la parrocchia e con l’associazione ANAS sede Verona Est, è stato scritto e realizzato dagli allievi della scuola secondaria di primo grado nell’a.s. 2018-19, per la regia del prof. Salvatore Aiello, esperto di Cinema fatto a Scuola, e grazie al coordinamento delle attività della prof. Luisa Gromeneda. Il cortometraggio, a partire da uno spunto derivato dalla lettura del testo di Gianpaolo Trevisi "L’amore che non è", affronta con delicatezza il tema del rispetto di genere che diventa riflessione sul rispetto della persona nella sua totalità. Entusiasmo, impegno, sinergia di forze, apertura al territorio alcune delle parole usate per introdurre il cortometraggio, alla cui visione è seguita una brevissima performance degli allievi che, sulle note della colonna sonora del film, suonate dal vivo da Silvia Sambin (presidente ANAS Verona Est), hanno ripercorso le diverse fasi ed il senso profondo dell’esperienza fatta. Significative le parole del Dirigente Scolastico, dott. Claudio Fregni, che ha voluto sottolineare l’alto valore educativo e formativo dell’attività e pregne di significato quelle spese dalla Dott.ssa Laura Donà, Coordinatrice del Servizio ispettivo e Dirigente Tecnico dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto, che ha parlato di cultura, coesione sociale e di autentico "Compito di realtà", in cui gli allievi sono chiamati a mettere insieme "il sapere, il saper fare e il saper essere", arrivando, con tenacia, coraggio e forza di volontà all’acquisizione di vere e proprie competenze. Presenti all’evento, oltre a vari amministratori locali, il Portavoce Regionale ANAS Dr. Francesco Bitto ed altre personalità del mondo del volontariato come la D.ssa Graziella Bazzoni Presidente di Le.Viss. (Ass. Leucemia Vissuta). 

Cambio alla guida di ANAS Villafranca. Gianfranco Chiaramonte eletto nuovo Presidente.

 

13/09/2019

 

Dopo quattro anni di mandato Ivano Baldan passa la mano ad un nuovo Presidente, si è svolta nei giorni scorsi l’assemblea dell’associazione ANAS sede di Villafranca di Verona che ha sancito il passaggio ad una nuova presidenza, infatti alla guida dell’Ente del Terzo settore, che si occupa del primo Comune della provincia dopo Verona in termini di abitanti, è stato eletto Gianfranco Chiaramonte. Nei quattro anni di mandato Baldan la sede periferica dell’Associazione nazionale di azione sociale a Villafranca, oltre ad aver sostenuto più volte le associazioni del territorio con contributi e donazioni, ha proposto tante attività che sono andate dai convegni sulla legalità (di recente un convegno sulla ‘ndrangheta) e su varie tematiche sociali, agli interventi nelle scuole del circondario per la campagna contro l’alcolismo giovanile in collaborazione con gli alcolisti anonimi, intervenendo nell’organizzazione di eventi con sfondo sociale dove spicca un concerto di beneficenza di rilevanza in collaborazione con la Provincia di Verona, la Rete Cittadinanza e Costituzione del MIUR veronese ed a favore delle vittime del Terremoto del 2016.

 

Il Portavoce regionale dell’Ente Francesco Bitto, presente al cambio della guardia, si dice soddisfatto della scelta, dichiarando: "Gianfranco Chiaramonte è persona retta e di esperienza, sono certo che farà bene come lo ha fatto Ivano Baldan nel suo mandato che ringrazio vivamente, a nome mio e della Direzione regionale, per l’impegno fin qui posto in essere e per le attività svolte con grande sacrificio da lui e da tutti i volontari che fin oggi hanno collaborato a Villafranca".

 

Governo Pd 5 stelle? A noi non interessa, noi vogliamo chiarezza nel sociale.

 

21/8/2019

 

Dopo la crisi di Governo che ha trovato ieri il suo punto di non ritorno si profilano le consultazioni per oggi pomeriggio. Non si conoscono ancora i tempi del riassetto dell’esecutivo ma tutti sperano in una veloce risoluzione in modo da poter dare equilibrio alle istituzioni. In tutto ciò ci si chiede cosa accadrà dell’agenda del governo Conte - Lega - 5 Stelle. Un’incognita non da poco viste le scadenze che attanagliano le istituzioni della Repubblica e i propositi normativo-strutturali che stavano vedendo la luce proprio nel Governo ormai tramontato.

In tutto ciò interviene a gran voce il Portavoce regionale dell’Ente Terzo Settore A.N.A.S. Francesco Bitto che sentito ha dichiarato “Mi chiedono se gradiremmo un governo PD - 5 Stelle io rispondo che si deve fare in fretta per il bene degli italiani, e per quanto riguarda il terzo settore, per il bene di migliaia associazioni che pendono dai decreti attuativi che sono previsti dalla Dlgs 117/17 che, con questo stallo, si sono arenati nella palude di una crisi importante e non di facile conclusione” e continua “ ci affidiamo al Presidente Mattarella affinché dia celere risoluzione a questo momento di  impasse, al fine di non far crollare il mondo del sociale in un’indeterminatezza altamente penalizzante per chi lo dirige e di riflesso per gli operatori del settore…. noi vogliamo chiarezza”