ARCHIVIO NEWS

Ultima News

Il volontariato veronese si spinge a Bruxelles con ANAS e ONE.

 

03/12/2018

 

Si è svolto lo scorso 26 novembre nel "Quartiere Europeo" di Bruxelles l’incontro tra il Portavoce Regionale Veneto di ANAS Francesco Bitto e Mattia Tosato giovane Ambasciatore di ONE Compaign, al fine di discutere del tema della povertà soprattutto minorile. Da uno studio pubblicato dall'ottavo "Atlante dell'Infanzia" di Save the Children qualche mese fa, richiamato anche dal Sole 24 ore e non solo, nel nostro Paese i minori in povertà assoluta sfiorano quota 1,3 milioni, cioè 1 bambino su 8, il 14% in più rispetto all’anno precedente, inoltre la povertà porta a bambini meno istruiti, infatti secondo i dati in Italia vivono 669.000 famiglie con minori in condizione di povertà assoluta che, una volta sostenuti i costi per la casa e per la spesa alimentare, possono spendere solo 40 euro per la cultura e 7,60 per l'istruzione al mese. Dai dati appena espressi, e lo scenario preoccupante che gli stessi prospetto, sono partiti Bitto e Tosato, per provare ad unire le proprie esperienze, cercando una sinergia volta altresì a sensibilizzare l’opinione pubblica, e magari governati sia nazionali sia europei, attraverso le strutture alle quali appartengono, con l’obiettivo di dare il proprio contributo alla problematica della povertà soprattutto minorile.

 

ANAS ormai da anni impegnata sia nel sostegno alimentare di famiglie in difficoltà sia in progetti con le scuole, ha molto caro il tema. Avendo acquisito un’esperienza ed un quadro generale, forte dell’opera delle sedi periferiche presenti in tutte le Regioni d’Italia, dove le sedi venete di ANAS sono state capofila con il progetto sull’alcolismo giovanile e le collaborazioni con gli istituti scolastici soprattutto nel veronese e nel trevigiano, l’Ente può dare il proprio contributo con attività volte a sanare la criticità in esame. 

 

ONE Compaign, in concomitanza, è da sempre in prima linea nell’attività che tocca il tema della povertà minorile, difatti anche di recente, il 16 ottobre scorso, alla vigilia della Giornata Internazionale per l’Eradicazione della Povertà, proprio Mattia Tosato, in qualità di Giovane Ambasciatore di ONE, veronese ma trasferitosi a Bruxelles già dal 2010, si è recato al Parlamento europeo con altri 30 giovani attivisti, dove ha incontrato eurodeputati di diversi gruppi politici. Tra questi Tosato ha incontrato gli Onorevoli Frank Engel e Jan Olbrycht del gruppo popolare europeo e gli Onorevoli Brando Benifei e Elly Schlein del Gruppo dei Socialisti & Democratici.


Il Portavoce regionale Veneto di ANAS Francesco Bitto ha dichiarato: "Sono piacevolmente stupito che un giovane trentenne veronese come Mattia abbia avuto la volontà di trasferirsi ormai da anni a Bruxelles per impegnarsi in un’emergenza sociale di respiro nazionale e internazionale. La tematica trattata con Tosato sta molto a cuore ad ANAS non solo per una carenza alimentare che ne può derivare in seno alle famiglie ma perché le precarie condizioni socio economiche spesso sono fonte nuove povertà educative. Secondo i dati analizzati 6 ragazzi su 10 (il 59,9%) tra i 6 e i 17 anni non arrivano a svolgere, in un anno, quattro delle seguenti attività culturali: lettura di almeno un libro, sport continuativo, concerti, spettacoli teatrali, visite a monumenti e siti archeologici, visite a mostre e musei, accesso a internet. Quanto emerso nel 2018 è inaccettabile, per questo dobbiamo unire le forze per abolire le barriere che la povertà pone davanti al naturale sviluppo delle nostre nuove generazioni, mi farò portavoce tra i vertici di ANAS Italia al fine di attuare un’azione sociale più incisiva possibile, magari in sinergia con altre strutture come ONE"

 

In merito alla sua esperienza nella capitale europea Mattia Tosato ha dichiarato: "Sono entusiasta del sostegno ricevuto da eurodeputati appartenenti a diverse forze politiche, ma il nostro lavoro è solo agli inizi, dobbiamo convincere i capi di stato e di governo ad essere all’altezza delle sfide attuali come lo sono stati i padri fondatori dell’Unione. D’altronde la lotta alla povertà, sia in Europa che fuori, è uno degli obbiettivi principali dell’Ue inscritto nei suoi trattati."