GEMELLAGGIO VERONA-PALERMO

OSPITALITÀ   STUDENTI E DOCENTI DEGLI ISTITUTI

“Lorgna-Pindemonte” e F. Ferrara”

 

11/05/2017

 

E tra abbracci e saluti  all’Aeroporto Catullo di Villafranca di Verona si conclude un viaggio per la legalità che  ha visto gli studenti dell’Istituto Lorgna Pindemonte  e del F. Ferrara legati in alcune attività scolastiche, culturali e ricreative  uniti per far volare valori importanti come la solidarietà, l’amicizia, il rispetto. Grazie alla Prefettura, agli Uomini  e  donne del Ministero degli interni, del Ministero della difesa  e agli Amministratori che sapranno continuare  ad ascoltarci come in questi anni è accaduto.

  Un modo  per stringere alleanze significative con il Parlamento della legalità internazionale presieduto da Nicolò Mannino  e un attenzione particolare  per dire grazie a chi in questi anni ha costruito una Verona che è diventata città capofila dei progetti legalità da prendere come modello  perchè sempre più vicina ai cittadini, alle loro esigenze. Un modo particolare per dire grazie a chi ha lavorato per dare ai giovani opportunità di crescita culturale, a chi  li sprona a credere che Insieme si può custodire e proteggere  la libertà con il colore della Vita. Nella speranza  di costruire tutti.. tutti insieme, un mondo attento alle emozioni, ad ogni essere umano, attento al dolore di ogni persona  e che crea , costruisce promuove cittadinanza attiva e responsabile in ogni settore  culturale,sociale, politico, istituzionale .

 Un sentito ringraziamento al Sottosegretario  del Ministero della Difesa Domenico Rossi, al Sindaco Flavio Tosi, ai Dirigenti  Olga Romagnoli e Domenico Bongiovanni,alla dottoressa Anna Lisa Tiberio, al dottor Stefano Quaglia, a Francesco Lo duca , al Portavoce Regionale ANAS Francesco Bitto,  al vicario del Questore dott. Alfonso Polverino, al Direttore del Circolo Col. Danny Cardone che  hanno accolto  in momenti diversi questi ragazzi dando a loro messaggi valoriali importanti.

 Oggi il grazie più grande va alla Dirigente Olga Romagnoli , anche da parte di tutti coloro che fanno parte delle Istituzioni  perché è riuscita con l’aiuto dei docenti,degli studenti e delle loro famiglie a donare il vero valore dell’accoglienza,a rendere i ragazzi motivati ed entusiasti di vivere un’esperienza altamente formativa. Ciò  è stato ribadito più volte da Nicolò Mannino e dalla dottoressa Anna LisaTiberio in molte occasioni. Anche nel momento dello scoprimento del bozzetto di un’opera realizzata da Rino Mazzola dedicato all’Amore che diventerà un monumento e che gli studenti del Lorgna Pindemonte e quelli più piccoli dell’IC 10 DI Verona  decideranno in quale luogo realizzarlo. Simbolicamente il bozzetto sarà itinerante  arrivando anche in reparti pediatrici dove c’è bisogno di tanto amore. Sono due A che si abbracciano a come AMORE  , a AMBASCIATA . Studenti più grandi che accompagnano i più piccoli in un valore  che arriverà in ogni cuore..anche in quello di chi sta ancora soffrendo per la perdita di un familiare ucciso dal terrorismo, dalle mafie,da delinquenti perché il loro  dolore si tramuti in speranza.La dottoressa Anna Lisa Tiberio ha anche ricordato al Presidente Mannino le storie dei fratelli  Turazza e di Cimarrusti della Polizia di  Stato che non devono essere dimenticate. Anche a loro si è pensato quando si è insediata l’ Ambasciata dell’amore  per far sentire , ancora una volta , il grande abbraccio ai familiari dei giovani siciliani e veronesi.

 Significativo anche il momento del conferimento delle borse di studio a cinque studenti meritevoli in ricordo del capitano dell’Esercito Manuel  Fiorito e del sottotenente dei Carabinieri  Enrico  Frassanito presso il Comune di Verona. I giovani  ringraziano  per questa opportunità convinti che solo attraverso la conoscenza  di fatti storici che devono entrare in modo corretto nei libri di storia  potremmo rendere onore alla nostra società civile e democratica , rispettare  il  nostro Tricolore e farlo sventolare con orgoglio , coraggio e fierezza.

Ricordare pagine della nostra storia, , per  estrapolare da esse i valori fondanti della nostra  Democrazia che deve essere cullata e protetta sulle ali della nostra intelligenza e con conoscenze, abilità e competenze che devono rendere il nostro Stato sempre un punto di riferimento importante per chi ha la volontà di costruire un mondo migliore.

 Ricordare per capire chi siamo oggi,  ma da dove proveniamo e per avere il senso di dove andremo sempre custodendo con spirito di grande rispetto e portando nel cuore. tutti quegli uomini ,donne e bambini che non hanno avuto l’opportunità di  vivere pienamente la loro   Vita in nome dell’odio Ma come si fa odiare e non amare?

 E come dice spesso  Flavio Tosi se oggi l’Italia e la nostra  Verona è una città  di cultura,  di progresso umano  sociale ed economico  è  anche grazie a una  Storia  italiana che non deve essere mai dimenticata  ..è grazie  al fatto che noi cittadini, anche con piccole azioni messe in atto con l’aiuto di Associazioni, abbiamo cancellato ma non dimenticato  pagine di odio e le abbiamo riscritte  con l’inchiostro del ricordo perché possano tramutarsi in pagine d’amore, di  rispetto della vita, di rispetto di  ogni essere umano,di rispetto  della diversità.. E come ha ribadito più volte il Sottosegretario Rossi “ Solo attraverso il ricordo possiamo ogni giorno gettare le basi di una democrazia  che va sostenuta con azioni di responsabilità e corresponsabilità costruendo relazioni autentiche e costruttive. Solo  conoscendo e avvicinandoci con sensibilità a tragici periodi  possiamo ogni giorno essere spronati a combattere la violenza”.

 Edoardo Poli dice:” In un mondo  dove tutto va di fretta  e a volte c’è poco spazio per riflettere e pensare .vorrei suggerire ai giovani di soffermarsi a leggere racconti, articoli, testi, di guardare video , reportage fotografici e documentari  che fermano il tempo e la nostra anima .. Perché solo attraverso la conoscenza  potremmo non  permettere all’Umanità di commettere errori contro la dignità dell’essere umano Ma voglio aggiungere una mia considerazione personale. Oggi l’universo giovanile rappresenta il futuro della società; fondamentale è però il sostegno del mondo adulto Le pagine di cronaca sono spesso costellate di notizie che hanno come protagonisti giovani e giovanissimi, alcune volte vittime, altre aguzzini, altre ancora piccoli eroi. È uno scenario complesso, in cui però il mondo adulto, non solo quello dei genitori, ma anche quello degli insegnanti e degli educatori, che trascorrono molte ore a stretto contatto con i ragazzi, deve entrare a far parte in maniera sempre più attenta”.

 Ma gli scambi culturali , i gemellaggi sono fonte di relazioni interpersonali costruttive che lasciano il segno nei cuori dei ragazzi.

 Conoscere  le Istituzioni, implementare i valori umani e il grande valore dell’amore in tutti i contesti sociali e  relazionali  è l’obiettivo da perseguire per un mondo sempre più unito in un grande abbraccio.

 

 In questi anni l’Istituto Lorgna Pindemonte ha fatto dei valori umani  e relazionali  che spronano a una cittadinanza responsabile ed attiva il nucleo  pedagogico portante del curricolo formativo.Ancora grazie alla Dirigente Olga Romagnoli che ha sostenuto tutte le cerimonie, i convegni e seminari istituzionali.